Pap test in gravidanza

Want create site? Find Free WordPress Themes and plugins.

Il Pap test è un esame che rileva eventuali anomalie delle cellule del collo dell’utero, in genere viene utilizzato nell’ambito della prevenzione oncologica ginecologica, ed è utile per evidenziare lo stato ormonale della donna, la presenza di eventuali fenomeni infiammatori o infettivi e soprattutto di lesioni precancerose o cancerose. L’esecuzione del Pap test è raccomandata a tutte le donne tra i 25 e i 64 anni, una volta ogni tre anni.

Per sottoporsi all’esame si devono attendere almeno tre giorni dopo la fine delle mestruazioni, evitare l’uso di lavande o creme vaginali nei tre giorni precedenti l’esame, per non comprometterne l’esito, ed è consigliato non avere rapporti sessuali nei due giorni precedenti.

Pap Test in gravidanza: come funziona

Quasi tutte le donne si sono già sottoposte ad almeno un Pap test prima della gravidanza e va ripetuto se il precedente è stato effettuato da più di due anni. L’esame è totalmente privo di rischi per il feto e si svolge in maniera indolore e in pochi minuti, anche se per alcune donne possono comparire dei leggeri fastidi e osservare piccole perdite di sangue nei giorni successivi al test, un’eventualità più frequente in caso di gravidanza.

Il collo dell’utero si modifica con l’avanzare della gestazione, per questo può capitare che non sia possibile effettuare il test dopo il primo trimestre, che venga quindi rimandato al termine della gravidanza.

Did you find apk for android? You can find new Free Android Games and apps.

Fateci sapere cosa ne pensate

Lascia un commento