Tampone vaginale in gravidanza

Want create site? Find Free WordPress Themes and plugins.

Tra i vari esami clinici che vengono eseguiti durante la gravidanza, per controllare la salute di mamma e feto, potrebbero venirvi prescritti alcuni tamponi vaginali (e/0 rettali), per escludere la presenza di alcune malattie, micosi o di batteri.

Il tampone vaginale più comune è quello che viene fatto intorno alla 35esima settimana per eliminare i dubbi sull’eventuale presenza dello streptococco beta-emolitico di gruppo B. Questo microbo se presente nella vagina o nel retto potrebbe infettare il bambino durante il passaggio lungo il canale del parto, causando infezioni neonatali che, in rari casi, possono essere anche molto gravi.

Tampone vaginale in gravidanza: come funziona

L’esame, rapido e indolore, viene eseguito prelevando con un bastoncino cotonato che viene inserito all’interno della vagina e fatto roteare delicatamente. Questa operazione permette la raccolta di:

  • Secrezioni;
  • Perdite;
  • Altre cellule staccatesi dalle pareti vaginali.

Il tampone può essere vaginale (il prelievo avviene in vagina), cervicale (il prelievo avviene sul collo dell’utero, rendendo necessario l’utilizzo dello speculum) oppure vulvare (il prelievo avviene sui genitali esterni).

Tampone vaginale in gravidanza: consigli e precauzioni

Alcune indicazioni utili da seguire prima di un tampone vaginale (in gravidanza o meno)

  • Astenersi dai rapporti sessuali nelle 24 ore che precedono il tampone;
  • Sospendere qualsiasi terapia antibiotica e antimicotica si stia seguendo fin dalla settimana prima del tampone [In questo caso consultate prima il vostro medico];
  • Evitare irrigazioni vaginali, terapie locali in vagina (come gli ovuli o le candelette)
  • Preferire la doccia al bagno nella vasca nelle 24 ore che precedono il tampone;
  • Astenersi dall’igiene intima la mattina stessa dell’esame.

Una volta refertato il tampone sapremo se fare o meno le terapie necessarie.

Did you find apk for android? You can find new Free Android Games and apps.

Fateci sapere cosa ne pensate

Lascia un commento